Risultati economici e patrimoniali del periodo

Risultati economici e patrimoniali (€ milioni)20132012VariazioneVar. %
Ricavi 111,1 106,9 4,3 4,0%
Costi 113,9 123,3 (9,4) (7,6%)
Margine operativo lordo (2,8) (16,5) 13,7 83,1%
Risultato operativo (26,5) (49,4) 22,9 46,4%
Dipendenti medi (n.) 680 679 1 0,0%
Investimenti 11,9 122,3 (110,4) (90,3%)
Indebitamento finanziario netto (466,9) (507,2) 40,3 7,9%

ACEA chiude l’esercizio 2013 con un livello di EBITDA negativo per € 2,8 milioni in miglioramento, rispetto al 31 dicembre 2012, di € 13,7 milioni essenzialmente per l’effetto combinato (i) dell’aumento dei ricavi per contratti di servizio, (ii) della diminuzione complessiva dei costi esterni in seguito all’adozione di politiche generali di contenimento dei costi e (iii) della riduzione dei costi per il personale dovuta al rilascio parziale degli importi accantonati per il secondo ciclo del Piano di Incentivazione a medio – lungo termine e di quelli accantonati a fronte di DPO destinati a Dirigenti e Quadri poiché gli obiettivi assegnati sono stati solo parzialmente conseguiti.

L’organico medio al 31 dicembre 2013 si attesta a 680 unità e risulta essere in linea rispetto all’esercizio precedente (erano 679). 

Gli investimenti di si attestano a € 11,9 milioni e, rispetto al 31 dicembre 2012, registrano una riduzione di € 110,4 milioni, attribuibili all’acquisto della Sede societaria di Roma avvenuto il 23 gennaio dell’esercizio precedente. 

L’indebitamento finanziario netto a fine 2013 è pari a € 466,9 milioni e registra una riduzione rispetto alla chiusura dell’esercizio precedente di € 40,3 milioni, in conseguenza (i) della regolazione finanziaria dei contratti di servizio e dei corrispettivi dovuti dalle società controllate nell’ambito dei contratti di tesoreria, (ii) del miglioramento generato dalle valutazioni al cambio e del fair value degli strumenti finanziari (- € 17,3 milioni), nonché (iii) della rilevazione dei dividendi 2012 distribuiti dalle Società del Gruppo. Di contro si segnala (i) la deliberazione dell’acconto sui dividendi 2013, deliberato dal Consiglio d’Amministrazione in data 18 dicembre 2013, (ii) la distribuzione del saldo dei dividendi 2012 deliberati dall’Assemblea dei Soci del 15 aprile 2013, (iii) il pagamento effettuato a GDF Suez Energia Italia in conseguenza della chiusura della transazione, conclusa nel mese di febbraio 2013, per il saldo di debiti commerciali maturati in capo ad Acea Energia ed accollati da ACEA, nonché (iv) dal fabbisogno generato dagli investimenti dell’esercizio e dalle variazioni del circolante, fra cui il pagamento di debiti tributari e a fornitori.